Federvini, l’organizzazione italiana di riferimento dei principali produttori e importatori di vini, liquori, acquaviti e aceti, ha accolto con favore la proposta di Vinitaly e Veronafiere di promuovere “Vinitaly Special Edition” che si terrebbe nel mese di ottobre a Verona.

“In queste condizioni Vinitaly e Veronafiere non potevano fare di più e avranno il nostro pieno supporto – dichiara il Presidente Sandro Boscaini – ma occorre prendere atto che l’aver saltato due edizioni della tradizionale manifestazione di riferimento per il settore, insieme ai provvedimenti di contenimento della pandemia che hanno messo in ginocchio il settore Ho.Re.Ca. in tutta Europa con una serie incredibile di aperture e chiusure parziali e sincopate, determinano prospettive drammatiche per le imprese dei vini, fiore all’occhiello del Made in Italy nel mondo”.

In un momento di grande difficoltà di tutto il comparto, per il quale si prevede un crollo dei ricavi dal canale Ho.Re.Ca. di oltre 1,5 miliardi di euro per il biennio 2020-2021, si tratta certamente di una buona notizia.

La situazione è ulteriormente aggravata dalle difficoltà di viaggiare per incontrare gli operatori internazionali che ha messo a dura prova tutto il sistema fieristico non soltanto italiano.
Il Vinitaly rappresenta, dunque, un appuntamento molto importante che deve tornare ancora più forte e coinvolgere le istituzioni con programmi di ricerca, sostegno e promozione del vino italiano.

(Fonte:bereilvino.it)

1